Q Consulting: filati innovativi dai rifiuti tecnologici

Cosa può creare la moda dai rifiuti tecnologici: ve lo raccontiamo oggi nell’intervista con Gabriele D’Aloisio, CEO di Q Consulting.


Q Consulting è il nostro sponsor per il webinar “The Second life of fashion”, lo abbiamo intervistato per voi, focalizzandoci sull’ambito moda e in particolare Stampa 3D e ricerca. Però l’azienda è molto di più!

La Q Consulting Srl nasce nel 2018 dall’esperienza di un gruppo di professionisti che hanno deciso di investire le proprie competenze acquisite con anni di lavoro sul campo, al servizio del tessuto imprenditoriale.

Una sezione dell'azienda è dedicata ad un super innovativo laboratorio che unisce l’artigianalità e il 4.0 con macchinari di ultima generazione.

Il team conta 14 persone e tanti esperti, ingegneri e biologi si occupano di ricerca.


Ecco l'intervista: approfondiamo l'argomento sostenibilità e filati tecnologici, e non solo!


Gabriele ha un progetto incredibile perché sta recuperando materiali/scarti RAE, che contengono minerali preziosi, rame argento, grafene per creare filamenti, tecno-filati, con caratteristiche meccaniche molto particolari.

Rifiuti tecnologici se ne creano a valanga: cambiamo gli strumenti elettrici, telefoni e pc e così facendo si genera una quantità di rifiuti enormi. Questo rifiuto deve essere riutilizzato: attraverso la ricerca e l'uso di stampanti 3D si possono creare tessuti sostenibili al 100%.


Le stampanti di Q Consulting potranno stampare abiti e stiamo attendendo lo sviluppo di questi filamenti. Gabriele stima che il primo capo con il nuovo filamento sarà stampato entro 24 mesi.

La tecnologia legata alla Stampa 3D può essere molto sostenibile su diversi fronti: la possibilità di produrre direttamente il pezzo richiesto, permette di abbattere costi e rifiuti, perché si riducono giacenze di magazzino e scarti di materiale.

Se è necessario un calzino stamperemo solo un calzino.

Il risparmio di energia, tempo e scarto, nonché la ricerca, permette all'azienda in ottica circolare!

Vi consigliamo di guardare l'intervista e approfondire l'argomento: spunto di riflessione, ma anche ispirazione per nuove idee.